martedì 7 febbraio 2012

BERLINO - APPROVVIGIONAMENTI DI ORTOFRUTTA DA QUI AL 2020

Quando per questo 31mo Frische Forum  (Forum del Fresco) hanno scelto il tema evidenziato nel titolo si sono probabilmente ispirati al grande alarme montato intorno alle speculalzioni sui prodotti commodity tipo granaglia, zucchero, mais ecc.

Ma fin dall´ínizio dei lavori si e´capito che nessuno dei relatori aveva intenzione di avvallare la tesi della  scarsita´di ortofrutta negli anni a venire. Tutti erano piuttosto d´accordo nell´affermare che purtroppo la produzione in Europa era troppa e che i paesi dell´emisfero sud stavano spostando le loro preferenze verso i  mercati asiatici perche´ da quelle parti la remunerazione era piu interessante.

Uno dei fattori che spiegano questi sviluppi e´certamente il fatto indiscusso che mentre per esempio il tedesco medio spende l´11 % del suo reddito per procurarsi i prodotti alimentari gli asiatici erano ancora mediamente su livelli del 30 o anche 40 %.

La critica piu´ feroce era piuttosto rivolta prevalentemente alla Grunde Distribuzione europea che non sfruttando altre leve tranne quella dei prezzi per convincere i consumatori ad avvicinarsi all´ortofrutta si sta  facendo la gueerra unincamente sui prezzi con il risultato di abbassare generalmente la qualita´della merce in offerta che proprio per quella ragione invece di avvicinare i consumatori li allontanano. I cali di consumo che le statistiche di tutti i paesi Europei evidenziano da qualche anno a questa parte ne sono una conferma.

Cosa fare dunque per migliorare questa situazione di stallo che ormai e´ innegabile? L´unico suggerimento degno di nota viene suggerito da un importatore Europeo che recentemente ha acqusitito una ditta neozelandese rinomata per i suoi kiwi e le sue mele: ha detto che da quella posizione potevano servire non solo i mercati europei ma anche quelli emergenti dell´ Asia ed una volta entrato nei mercati asiatici con quel prodotto e quella marca potevano sperare di commercializzare anche prodotti europei attraverso gli stessi canali. In pratica ha voluto ricordare che nel mondo globalizzato di oggi le esportazioni non saranno solo dall´emisfero sud verso l´emisfero nord ma viceversa o anche tra paesi dello stesso emisfero

Nessun commento: