martedì 18 settembre 2012

FARETE BOLOGNA - parte seconda


Flash di MARCO FORTIS
-          Il suo intervento cerca di cogliere anche aspetti positivi riferiti all’Italia ed alla Provincia di Bologna
-    Il debito pubblico italiano è di quasi 2.000 miliardi di euro da anni ma ultimamente anche altri stati si sono avvicinati a questo livello.


Marco Fortis - Cattolica Milano
-          la Francia sta arrivando alla stessa cifra ma con una popolazione inferiore. Questo significa che il suo debito pro capite supera quello italiano. Anche USA e UK sono su questa linea -          Se poi consideriamo anche il patrimonio l’Italia ha il debito pro capite più basso in assoluto
-          La produttività bassa italiana è appesantita da mille fattori ma ci sono eccezioni. Una di queste è la produttività nel settore della meccanica dove supera quella tedesca
-          Il polo Bolognese della meccanica è primo a livello globale, non solo europea. Anche le realtà industriali singole sono più importanti: le prime 4 industrie fatturano più delle prime 4 industrie meccaniche  tedesche ed è Bolognese anche l’industria singola che fattura di più.

 Flash di ROMANO PRODI


-          Finalmente abbiamo riscoperto l’industria

-          L’industria che regge meglio IN iTALIA è quella manifatturiera

-          Ma non dobbiamo dimenticare il nostro sud che abbassa ogni media

-          La produttività è bassa? Come si fa ad averla buona se hai interi reparti in cassa integrazione, e se causa crisi generale manca la domanda per poter vendere e produrre di conseguenza

-          Molti problemi sono causati internamente all’azienda ma ancora di più incidono le inefficienze che si trovano fuori dalla fabbrica che frenano ogni momento della nostra vita nazionale

-          Mancano infrastrutture adeguate

-          Non dobbiamo dimenticare il fattore della criminalità organizzata. Anche questa fa perdere punti alla produttività.

-          L’Italia non ha purtroppo sviluppato l’elettronica, dopo il fax non abbiamo più niente, ne computer, ne telefonia mobile ecc.

-          Abbiamo però un surplus di 80 miliardi nell’industria manifatturiera

-          Prima della svolta degli ultimi 20 giorni il costo del denaro in Italia era proibitivo

-          Siamo comunque sempre il secondo paese produttore d’Europa

-          E’ importante adesso concentrare l’attenzione su ricerca, sviluppo e risorse umane, in primo luogo sulle scuole tecnico-professionali. (In Germania Schroeder ha fatto si le riforme ma ancora di più ha ottenuto sfruttando l’istruzione e l’apprendistato.

-          E’ essenziale una rete di ricerca tecnica al servizio delle imprese

-          Serve ricerca applicata, bastano anche solo 3-4 strutture specializzate

-          Serve una politica industriale nazionale molto forte

-           Nonostante  tutto il singolo non ce la può fare. Si facciano reti

-          Esempio di economie di scala nell’industria bolognese del cioccolato (rete fra privati e cooperatrive)

-          Un grosso problema italiano è l’energia. Una ricerca dimostra che l’industria italiana  ha il più alto costo a livello globale.

-          Le crisi delle quali si parla ogni giorno (ALCOA, SULCIS e FIAT) traggono origine anche da qui.

-          Per l’Italia perdere l’industria dell’auto sarebbe insostenibile. Il governo elabori politiche industriali, sviluppi idee ed le persegua.

-          Costi italiani della manodopera ormai bassi (Esempio di imprenditore italiano che porta tecnici italiani in Cina perché costano meno!!)

-          Ormai il divario generale si è ridotto a uno a cinque  (costo 1 in Cina uguale a costo 5 in Italia) ma a ShangHai in un anno fra aumenti ed inflazione il progresso del costo di un salario è stato del 21 %.

-          In Italia bisogna smetterla con i sussidi nascosti

-          Ma il settore terziario deve funzionare (esempio positivo i tanti tecnici italiani che Prodi incontra sugli aerei)

-          Esempio ditta del lusso francese che assume 600 commesse per negozi parigini che sappiano la lingua cinese (ma noi non abbiamo voli diretti che ci portino i clienti direttamente in Italia.)

-          Suggerimento di attrezzare un aeroporto unico Bologna-Firenze.

-          A livello locale suggerimento di più collaborazione fra cooperative, privati ed amministrazione pubblica

-          Appello per il miglioramento dell’immagine italiana perché non può continuare l’usanza che solo perché su un prodotto c’è scritto Made in Germany questo realizzi il 15-20 % di più sul mercato.

SEGUIRANNO FLASH DELL'INTERVENTO DI GIORGIO SQUINZI, PRESIDENTE CONFINDUSTRIA

Nessun commento: