venerdì 12 ottobre 2012

Premio Nobel a una grande EUROPA

Gioisco come pochi del Premio Nobel per la pace conferito oggi all'Unione Europea perché penso che l'aver man man abbattuto quasi tutti gli ostacoli per una libera circolazioni di persone, merci e capitali ed aver così allontanato, spero per sempre, i pericoli di conflitti politici sanguinosi, l’EUROPA è la più grande conquista delle nostre generazioni.

E’ quanto ho spiegato nel mio contributo già a giugno di quest’anno. Un passaggio fondamentale scritto nel mio post su questo Blog, composto in tempi non sospetti ,è il seguente (il testo integrale è al link http://quifrutta.blogspot.it/search?q=generazione:

“….Ma io che da bambino ho vissuto gli anni della guerra e che da ragazzo ho visto le macerie dalle quali ci si doveva rialzare, voglio gridare a gran voce in tutte le direzioni: " ragazzi, abbiamo perso tante ricchezze, tante certezze ma abbiamo ancora la cosa più grande che il nostro mondo, il mondo più civile mai esistito, ha realizzato: l’Europa senza confini, senza diatribe, senza fame, senza macerie, senza morti! L'Unione Europea. Un mondo non perfetto ma certamente interessante, umano ed in evoluzione. Cerco aiuto per fare arrivare questo messaggio, questo unico e alto messaggio a tutti coloro che oggi dubitano dell’Euro, dell’ Unione Europea e del futuro in genere: è un’Unione Europea ancora da completare ma che ci farà trovare la giusta strada, ci farà tornare a forme di convivenza sostenibili e realizzabili. Non dobbiamo mai dimenticare che il bene più grande è la pace e l’Europa Unita è il più importante baluardo a difesa della pace Europea e Mondiale."

Il sito ufficiale dell'Unione Europea esprime il suo sentire come segue:

Il premio Nobel per la pace 2012 va all'Unione europea




12/10/2012 - Questo è il massimo riconoscimento delle profonde motivazioni politiche che stanno alla base della nostra Unione: lo sforzo unico di un crescente numero di paesi europei di superare guerre e divisioni per disegnare insieme un continente di pace e prosperità.

Nessun commento: