mercoledì 18 aprile 2012

RIASSUNTO resoconto Convegno Bologna 16 aprile

SALVA ORTOFRUTTA ITALIA


Tutte le associazioni presenti a Bologna il 16 aprile hanno risposto in modo positivo alle indicazioni raccolte ed elencate in cinque punti dall’assessore emiliano - romagnolo Tiberio Rabboni.

In particolare però ognuno dei portavoce ha aggiunto qualche cosa di suo e sono questi particolari che meritano di essere ricordati a chi le ha pronunciate, come anche a chi ha la responsabilità di tradurle in pratica:

Hanno dichiarato testualmente:

Paolo Bruni (COGECA):
Contenuti dell’esposizione di Rabboni totalmente condivisibili ma è necessario un maggio coinvolgimento dell’Europa. Negli ultimi 10 anni le famiglie italiane hanno ridotto da 450 KG a 350 KG i consumi annui di ortofrutta dal 2000 ad oggi. C’è bisogno di promozione (scuole, Mr. Fruitness) ma i fondi disponibili sono tanti!!

Mauro Gardini (Lega Coop. Agroalimentare, Alleanza Cooperative Italiane):
Confermiamo il si senza condizioni al piano Rabboni. C’è bisogno di vegliare giorno e notte sulla gestione della crisi. L’articolo 62 in particolare ha bisogno di attenzione. Ma bisogna far ein fretta

Salvatore Giardina (Confagricoltura):
L’export tiene ma si deve far leva anche sulle forze tradizionali. Bisogna innovare i prodotti con meno costi e più rese. Il mondo è cambiato ed adesso tutti i prodotti vengono consumati tutto l’anno. E’ importante saper procurare sensazioni piacevoli al consumatore. Bene la concentrazione dell’offerta fatta dalle O.P. ma esse devono essere imprese! C’è anche bisogno di controbilanciare la GDO offrendo stagioni più lunghe.

Necessaria più promozione e pubblicità di tipo istituzionale. Bene il programma frutta nelle scuole che si sta affinando sempre di più. PAC ok tranne che per susine, pomodoro, arance e pesche che avrebbero bisogno di più attenzione.

Gino Peviani (Fruitimprese)
- Condividiamo su tutta la linea
- ok per mondo privato
- il governo deve lavorare per la crescita
- noi dobbiamo tutti abbandonare l'approccio egoistico
- costruire un sistema nazionale per l'ortofrutta
- creare un tavolo per le analisi tecniche
- per esprimere tendenze
- logistica mondiale ha costi bassissimi
- costa meno portare merce a Hong Kong che in Svizzera
- l'Italia non può produrre commodities
- i nostri mercati, Italia ed E.U. si sono afflosciati
- necessità trovare nuovi mercati
- la filiera è ormai cortissima e non manca trasparenza
- export ha tenuto (saldo 1 Mrd. di euro)
- bisogno produrre meglio, più attenzione, più ricerca
- le aziende familiari hanno bisogno di più professionalità
- più controlli (sopratutto al mezzogiorno
- criminalità dilaga al sud, comprano aziende all'asta per poco.


TOSI (CIA)
Siamo d’accordo con le proposte Rabboni. E’ importante governare l’offerta
Sia la quantitù che la qualità. Abbiamo bisogno di condividere le azioni e di
Agire al più presto.



DARIO Stefàno (Coordinatore enti regioni)
Questo di oggi è un approccio positivo, il sistema delle Regioni è pronto ad appoggiare i 5 punti del piano Rabboni ed a fare la sua parte. Le turbolenze di mercato hanno accelerato le azioni e spingono verso soluzioni incisive. In questo contesto è giusto anche “derubricare” il proposito delle aggregazioni. Le priorità vanno bene secondo l’indicazione della consecutio numerica utilizzata nella proposta dell’assessore.



MARIO TAMANTI (CSO)
L’organizzazione di servizio che annovera fra i suoi soci ben 28 fra le imprese commerciali più significative in rappresentanza di un gran numero di regioni. Offre fra le altre cose anche di Servizi Marketing e di servizi per lo sviluppi di nuovi mercati. I consumi italiani sono calati da 9,5 milioni di tonnellate a 8,3 milioni di tonnellate in pochi anni ed incidono per circa il 3 % sulle disponibilità pro capite. L’export di ortofrutta non aumenta quando invece continua ad aumentare fortemente l’import. Mantenere inalterato l’export vuol dire perdere quote di mercato in un mercato globale che in 10 anni è aumentato da 70 mrd a totale 170 mrd!.
Per invertire la tendenza c’è bisogno di mettere da parte subito ogni individualismo.



Il CSO si attiva per:
- orientare le produzioni
- esempio il catasto del kiwi
- seguito eventualmente poi da quello delle pere e di altro
- collaborazione con Francia e Spagna per governare pesche e nettarine
- far conoscere prodotti italiani nel mondo
- promuovere l’internazionalizzazione delle aziende socie
- Combattere le barriere fitosanitarie esistenti in molti paesi
- rilanciare il sistema paese (esempio nuovo Layout di padiglioni Italia)
- promuovere padiglioni Italia tipo Berlino non solo a Fruitlogistica
- seguire il progetto appena partito chiamato “Sapori d’Italia”
- Sapori d’Italia anche all’etero
- Mercati lontani sotto osservazione: Emirati Arabi, Brasile, Russia,
- Far East, Giappone
- Far partire il progetto pere
- Progetto assicurazioni e fondi mutualistici, pronti già nel 2014


MARO TONELLO (COLDIRETTI)
Discussione molto positiva sotto l’ottica agricola. La visione della regione E.R. è corretta e positiva: non più distretto ma interprofessione. Questa dipende soprattutto dalle regole. Evitare vincoli ma tendere ad orientare anche il resto della filiera.
E’ importante la trasparenza degli strumenti. Le O.P. devono pertanto essere strumenti veri ed adatti e non quelli chiamati in vita solo per i contributi. Bisogna d’ora in poi verificare come funzionano. E’ necessaria una promozione programmata e sistematica. Fare promozione sui disastri è sempre negativo.
Contentissimi per l’art. 62.
Ma…. La frutta vuole anche buona!! Bisogna ammettere che non sempre riusciamo ad accontentato i consumatori. Abbiamo importato anche frutta di alto valor!

FRANCO VERRASCINA (Copagri)
Siamo in linea con Rabboni
Condividiamo totalemente i 5 punti
In questo incontro dobbiamo parlare di futuro, anche di OCM
Tutti questi obiettivi sono quelli delle organizzazioni professionali
AOP e OP sono strumenti fondamentali per gli agricoltori
Essi devono essere gestiti dagli agricoltori
E' importante mettere in gioco delle alleanze
Ma.... in questi ultimi anni ci siamo isolati
siamo noi che non sappiamo fare il nostro lavoro
Dobbiamo migliorare il governo del mercato
Noi con tutte le O.P. vigileremo


PAOLO DE CASTRO
Ha solo portato i suoi saluti per non rubare argomenti e tempo
Al ministro Mario Catania presente al tavolo di presidenza.
Ha però espresso apprezzamenti per l’attività attuale del commissario
All’agricoltura U.E. Ciolos. Ha detto che però adesso bisogna coinvolgere
E condividere con altri paesi quel che noi vogliamo nella PAC.
Ha affermato che l’OCM unica è estremamente importante e che
Nella crisi l’attuale OCM ha fatto da spartiacque.

(Ripetizioni di quanto già pubblicato nel precedente Blog)
MINISTRO MARIO CATANIA

Ha chiuso i lavori il Ministro Mario Catania pronunciando parole chiare e spesso scomode. Prima di tutto ha avvertito che la situazione resta difficile, che i consumi sono calati invitando tutti di andare oltre le annunciazioni e di agire.

Il primo invito è quello rivolto ai produttori che devono portare al mercato prodotti più rispondenti alle esigenze dei consumatori, prodotti innovativi e di qualità. Il secondo richiamo è stato indirizzato alla grande distribuzione colpevole di fare leva sopratutto sul prezzo trascurando la qualità causando di conseguenza nuovi cali di consumo. Catania ha chiesto di riflettere sul fatto che più si afferma la grande distribuzione più calano i consumi di ortofrutta.

Il rapportio della produzione con il resto della filiera però può e deve essere migliorato. Per esempio l'eccesso di offerta non giova e si capisce la necessità di governare i volumi. In questo senso l'iniziativa Rabboni trova il consenso del Ministro che ricorda la necessità di fermare la storica riduzione delle quote di valore che rimangono alla produzione.

Altri interventi dovranno essere operati a livello comunitario ed a questo riguardo Catania ha ricordato che è già deciso l'aumento dei prezzi di ritiro a doppio livello con preferenza al percorso beneficienza. Dovranno seguire in autunno modifiche dell'OCM all'interno della nuova PAC. Per quanto riguarda i fondi mutualistici il ministro promette di insistere su una soluzione nazionale perchè quella dei PSR non avrebbe una dotazione sufficiente.

Non è stato dimenticato il problema degli sbarramenti fitosanitari a livello di commercio internazionale e sarà intensificata l'azioni di penetrazione nei confronti di paesi come gli Stati Uniti per aprire le frontiere alle nostre mele e pere. Purtroppo la reticenza americana non si basa più su ragioni tecniche ma rimangono in essere quelle politiche. Come esempio positivo è stato citata la Cina (che nel giro di 2-3 anni ha già importato 14.000 tonnellate di kiwi italiano) ed anche l'apertura imminente al kiwi italiano del mercato Sud Coreano.

In Italia
La la partita più importante, sempre secondo Catania, la si gioca a livello nazionale e cioè a Roma. Infatti non ha dimenticato di menzionare l'azione del suo ministero a favore dell'attenuazione dell'IMU sui fabbricati rurali ed ha insistito anche sulla necessità di mettere in campo l'interprofessione dando ragione a Rabboni. Purtroppo a quei tavoli per una ragione o per l'altra manca spesso la GDO che pertanto non aiuta la soluzione dei problemi. Catania ha detto anche testualmente "...dell'art. 62 avremmo anche fatto a meno" ma che per il momento non ci sono le condizioni.

L'aggregazione dell'offerta
Un altro tema scottante è quello dell'aggregazione dell'offerta. Catania a questo proposito ha fatto due affermazioni forti: da un lato ha sottolineato l'assoluta necessità dell'aggregazione dell'offerta affermando che senza di essa "tutto sarà un pagliativo". Ma ha aggiunto che "...è troppo volte ci si è "incartati" sulle formule fra cooperative, O.P. e altro. Le modalità di aggregare l'offerta sono molteplici e non sono solo le cooperative a poter dare risposte per tutto. Dovranno essere studiate ed adottate nuove forme di associazione che tengano conto delle diverse realtà che sono ben diverse fra prodotto e prodotto e fra regione e regione"


Nessun commento: